Relazioni e buoni propositi per il nuovo anno:

Invece di cercare soluzioni definitive individualmente, prova ad agire micro cambiamenti assieme ai tuoi interlocutori

Il nuovo anno è il classico momento per proporsi nuovi obiettivi e cambiamenti che seguono inevitabili bilanci. Ci piace l’idea di ricominciare da capo a gennaio, ma solitamente all’iniziale slancio ed entusiasmo, seguono frustrazione e delusione nelle settimane successive. Sappiamo tutti per esperienza che iniziare cambiamenti radicali a partire dal 1 ° gennaio funziona raramente. … pensate alle diete!! Ma a volte riguardano anche le relazioni: certe amicizie, alcune situazioni limite, alcune cose poco chiare o rimaste sospese nei confronti del proprio partner o dei propri familiari che ci feriscono e sentiamo il bisogno di cambiare.

Il cambiamento è difficile
Migliorarsi e migliorare è importante, ma non c’è nulla di magico in gennaio che faciliti il cambiamento. Anzi fallire sconforta e i ripetuti fallimenti scoraggiano dal prendere decisioni per cambiamenti importanti. Quindi sulle decisioni per il nuovo anno pesano i nostri passati fallimenti.

Non puoi fare affidamento esclusivamente sulla tua forza di volontà
Molti dei nostri piani di miglioramento sono basati sulla forza di volontà e sull’autodisciplina: questo è ciò che accade quando proviamo a fare cambiamenti molto radicali repentini. Questo diventa pericoloso perché se non sostenuti da risultati attesi, finiamo per scoraggiarci e finiamo con l’arrenderci facilmente.

Se cambio io, cambia tutto!! Non è sempre vero
Un’altra trappola che ci demotiva molto velocemente è la convinzione di avere il controllo totale delle difficoltà relazionali. Quindi è facile pensare … “basta che io lavori su di me! E se miglioro me stesso migliorerà anche l’altro!”. Sicuramente un cambiamento potrà verificarsi, ma molte volte non nella direzione auspicata. Se qualcosa deve cambiare nello spazio relazionale costruito da due persone, dobbiamo capire che quello spazio co-costruito non dipende esclusivamente da noi!

Piccoli cambiamenti fanno una grande differenza
Spesso, siamo così desiderosi di cambiare che vogliamo fare tutto in pochi passaggi … e se non ci riusciamo, torniamo velocemente ai nostri vecchi schemi ed equilibri.
Oltre a darci un senso di successo, piccoli i cambiamenti possono davvero produrre grandi differenze!

Mira al cambiamento funzionale e non alla perfezione
Concentrarsi su piccoli cambiamenti è anche un ottimo modo per allontanarsi dal pensiero tutto o niente, etichettare le cose come un successo o un fallimento. In definitiva il cambiamento riguarda il progresso e non la perfezione.

 

Arnold, C. L. (2014). Small Move, Big Change. Penguin Books.

L’Abate, L., Cusinato, M., Maino, E., Colesso, W., Scilletta, C. (2010). Relational competence theory: Research and mental health applications. New York: Springer Science.

Martin, S. (2019). The Cbt Workbook For Perfectionism: Evidence Based Skills To Help You Let Go Of Self Criticism, Build Self Esteem, And Find Balance. New Harbinger Pubns Inc.

@WalterColesso